COMUNICATO UFFICIALE: La Libertas Moncalieri e Manuele Petrachi di nuovo insieme

E’ con immenso piacere che la Libertas Moncalieri comunica di aver raggiunto l’accordo con Emanuele Petrachi per il suo ritorno in gialloblu. Più che un allenatore, un’istituzione della pallacanestro femminile piemontese, Petrachi vanta 15 campionati regionali vinti a livello giovanile nel basket “rosa”. Tre invece le promozioni a livello senior: in Serie B Nazionale, in Serie A2 ed in Serie A1, quest’ultima riportando la Pallacanestro Torino nel massimo campionato italiano dopo 32 anni. L’accordo della Libertas Moncalieri con coach Petrachi è su base triennale e lo vedrà impegnato oltre che sul campo anche nello sviluppo del prestigioso settore giovanile gialloblu, reduce in questa stagione da ben due Finali Nazionali. Dal dicembre 2016 Petrachi ricopre inoltre il ruolo di Responsabile Tecnico Territoriale (RTT) del Centro Tecnico Federale (CTF) del Piemonte Femminile dalla FIP Piemonte.

Bentornato coach Petrachi, cosa l’ha convinta a scegliere la Libertas?

Grazie del benvenuto, sono molto felice di essere tornato a Moncalieri (dopo l’ultima esperienza nel triennio 2003-2006), una società seria e che conosco bene. Con Libertas abbiamo un accordo inerente allo sviluppo del settore giovanile, su base triennale, il che significa che è stato imbastito un progetto a medio-lungo termine; la progettualità è molto importante sia per me che per Moncalieri, società con uno dei settori giovanili più importanti d’Italia”.

Come si trova a svolgere l’incarico di RTT? Un’esperienza nuova e diversa per lei
“L’incarico da RTT mi è servito molto per osservare il mondo della pallacanestro italiana da una prospettiva diversa rispetto a quella consueta dalla panchina. Sicuramente mi è servito per aggiornarmi per quanto riguarda il basket giovanile e per studiare dinamiche societarie non solo in ambito piemontese, ma anche nazionale; è sicuramente un’esperienza che mi arricchisce e che cercherò di utilizzare anche in questa nuova avventura. Manterrò certamente il ruolo (che prevede 4 anni di incarico n.d.r.) perchè non è assolutamente in conflitto col tipo di impegno richiesto da ambo le parti”.

Attachment